Dieta di primavera

Con l'arrivo della primavera arrivano giorni più lunghi e più caldi, e finalmente arrivano anche nuovi prodotti dalla Natura, possiamo lasciarci alle spalle le pietanze invernali ed arricchire la nostra alimentazione con cibi dall'elevato valore nutritivo. Tra questi troviamo frutti e verdure che porteranno sulla nostra tavola vitamine e sali minerali, ... oltre ai colori della primavera!

Con la nuova stagione il nostro organismo deve liberarsi dalle tossine accumulatesi durante l'inverno a causa di un regime alimentare che spesso soddisfa il palato, ma affatica l'apparato digestivo.

A tutto ciò si aggiungono la stanchezza e la spossatezza tipiche di questo periodo, che possono essere superate più facilmente con una dieta depurativa e disintossicante che aiuterà il nostro organismo a ripartire con la giusta carica e prepararsi ad affrontare la nuova calda stagione in arrivo!

Tra gli alimenti tipici della primavera a cui è impossibile rinunciare, troviamo:

Asparagi

Fragole

La stagione delle fragole va da aprile a giugno. Dolci e succosi, questi frutti sono veri e propri gioielli nutritivi, ricchi di fibre e vitamina C. Le fragole dovrebbero essere grosse, sode e dal colore uniforme. Ideali per dolci o macedonie sono perfette anche mangiate da sole.

Questa verdura primaverile dal gusto particolare è conosciuta per le sue proprietà diuretiche e per sua ricchezza di sostanze benefiche per l’organismo, sono infatti ricchi di amminoacidi, acido folico, manganese, vitamina A, fosforo, vitamina B, calcio, magnesio, potassio… Insomma, un concentrato di salute!  Coltivato tra marzo e giugno, l’asparago si piazza di diritto nella classifica dei cibi primaverili da non perdere.

 

Fave

 

Con il loro sapore ricco e dolce, le fave sono una formidabile aggiunta a zuppe, insalate e piatti unici. Grazie al loro alto contenuto di proteine e fibre, le fave aiutano a mantenere a lungo un buon senso di sazietà. Le fave più ‘acerbe’ possono essere sgusciate e mangiate anche crude, mentre quelle mature devono essere mangiate solo dopo che sono state sgusciate e spellate, visto che le bucce diventano troppo dure.

Albicocche

Da maggio ad agosto non si può non fare scorta di questi coloratissimi frutti, che mangiate da sole, o usate per fare ottime marmellate, sono ideali per fare il pieno di beta-carotene, potassio, vitamina C e fibre in meno di 40 calorie per etto.

 

Piselli

 

La loro stagione migliore va da aprile a luglio. Come la maggior parte dei legumi, i piselli sono poveri di grassi e ricchissimi di fibre e proteine vegetali.

Ricchi di vitamina C e vitamine del gruppo B, oltre che di zinco, sono ottimi sia all'insalata che saltati in padella.

Ciliegie

Succulente e golose, le ciliegie sono disponibili solo in tarda primavera e all’inizio dell’estate. Ricche di fibre e potassio, oltre che povere di calorie, sono caratterizzate dal loro colore intenso, dovuto all’alto contenuto in antociani, composti dall’alta capacità antiossidante. Le migliori ciliegie sono grandi, sode, polpose e dal colore ricco.

 

 

Carciofi

 

Con la sua forma da fiore appuntito, è una verdura tipicamente primaverile, infatti, inizia a spuntare verso febbraio, e il suo ciclo vitale termina con la fine della primavera, quindi questo è il periodo migliore per gustarlo. Ricco di acqua, potassio, fosforo e calcio, vitamine C, B1, B3, flavonoidi e antiossidanti, il carciofo ha un’azione depurativa sull’organismo, contiene fibre in abbondanza e contribuisce alla riduzione del colesterolo.